Nutrizionista, dietologo o dietista? Ecco le differenze.

Molti di noi si sono trovati spesso nella condizione di doversi affidare ad una figura specializzata nel campo della nutrizione e tutti, prima o poi, ci siamo posti la questione della scelta tra un dietologo, un dietista o un nutrizionista.

Chi sono e in cosa consistono queste figure professionali?

Bisogna premettere che, per dare una risposta a questa domanda, è necessario districarsi in un vero e proprio labirinto di leggi, circolari, e quant’altro.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza partendo dalle basi.
Il dietologo è un medico, laureato, quindi, in medicina e chirurgia, che si occupa, nello specifico, di nutrizione umana avendo conseguito una specializzazione in dietologia o in scienze dell’alimentazione umana.
Questa figura professionale ha, dunque, la facoltà di prescrivere una dieta ma anche di valutare, dal punto di vista clinico, le cause e gli effetti del sovrappeso e dell’obesità, prescrivendo dei farmaci all’ occorrenza.

Il dietista è colui che ha frequentato una laurea triennale in dietistica.

Non si tratta, quindi, di un medico ma di un operatore sanitario.
Questa figura professionale non può prescrivere farmaci, visitare pazienti, fare analisi etc.
Il dietista non può prescrivere una dieta a chi ha particolari problemi di salute.

Qualora un dietista si trovasse davanti ad un paziente con patologie è obbligato a richiedere la collaborazione di un medico.
(riferimento di Legge: DM 744 del 14.09.1994)

Il Nutrizionista è uno specialista in campo di Alimentazione e Nutrizione Umana iscritto nella sezione A dell’Ordine dei Biologi che abbia ricevuto il nulla osta dallo stesso ordine per esercitare la professione a seguito del superamento dell’ Esame di Stato.

Il Nutrizionista, data la natura dei suoi studi, la sua conoscenza delle varie patologie e dei risvolti che le stesse hanno, è abilitato a redigere una dieta anche in presenza di un paziente affetto da patologie.

Il Consiglio Superiore di Sanità nella seduta del 12 aprile 2011 ribadisce e conferma le competenze professionali del Biologo Nutrizionista riguardo l’elaborazione di diete.

Il Ministero della Salute, dopo la sentenza 3527 del 8 febbraio 2011 del Tribunale di Roma in relazione all’esposto presentato dall’O.N.B. nei confronti del dott. E. Del Toma, ha richiesto un nuovo parere al Consiglio Superiore di Sanità che nella seduta del 12 aprile 2011 ribadisce e conferma le competenze professionali del Biologo Nutrizionista già espresse nel precedente parere del dicembre 2009.

In sintesi le competenze professionali in tema di diete:

  • Il medico chirurgo può prescrivere diete e farmaci a soggetti sani e malati, e diagnosticare una eventuale patologia di questi ultimi soggetti.
  • Il Nutrizionista può elaborare diete nei confronti di soggetti sia sani che di soggetti cui è stata diagnosticata una patologia dal medico chirurgo; il Nutrizionista può in autonomia elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio benessere, quale orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento dello stato di salute. In tale ambito può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabilendone o indicandone anche le modalità di assunzione.
  • Il dietista, profilo professionale dell’area tecnico-sanitaria, è inquadrato come figura in collaborazione con il medico ai fini della formulazione delle diete su prescrizione medica.